Anche quest’anno tutto è pronto per celebrare, l’8 di Giugno, la Giornata Mondiale degli Oceani, il World Oceans Day! Si tratta di un evento internazionale, giunto alla sua tredicesima edizione, istituito dall’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) e dedicato alla salvaguardia  degli oceani, da cui dipendono l’equilibrio del clima, la sussistenza e la stessa vita di tutti noi

50%

la percentuale di ossigeno del pianeta prodotta dagli Oceani

25%

della CO2 emessa dalle attività umane è assorbita dagli Oceani

Sì, la Terra ha due polmoni: uno verde formato dalle foreste, l’altro blu rappresentato dagli Oceani.

A ogni respiro le migliaia di specie di microrganismi* che vivono nelle acque superficiali raggiunte dai raggi del sole regalano al Pianeta, grazie alla fotosintesi clorofilliana, la metà dell’ossigeno di cui la Terra ha bisogno.

L’Oceano è infatti anche l’habitat più ricco di biodiversità, dai più piccoli organismi viventi sino al più grande animale conosciuto sul nostro pianeta, la balenottera azzurra. Per non parlare del più grande invertebrato mai ritrovato: il misterioso calamaro gigante, capace di raggiungere fino a 18 metri di lunghezza con un peso di 900 chilogrammi, protagonista con i suoi lunghi tentacoli di molti romanzi d’avventura.

*microrganismo

/mi·cror·ga·nì·ṣmo/

sostantivo maschile

Qualsiasi organismo animale o vegetale, procariote o eucariote, di dimensioni microscopiche; sono microrganismi i batteri, i virus e i protozoi.

Questo perché gli ecosistemi oceanici sono tanto numerosi quanto diversi fra loro, andando dalle profondità degli abissi alle regioni polari, dalle barriere coralline alle mangrovie, dalle foreste di macroalghe brune, alle paludi salmastre e alle coste sabbiose.
Il World Ocean Day, con una miriade di eventi sparsi in tutto il mondo, affronta ogni anno temi cruciali su cui tutti noi dovremmo interrogarci.

Il tema dell’edizione 2021 è “Life & Livelihoods” ovvero “Vita e Mezzi di Sussistenza”. Si stima infatti che l’Oceano sia la fonte principale di proteine per un miliardo di esseri umani, per non parlare del numero di persone che lavorano  nelle industrie legate allo sfruttamento delle risorse prodotte dal pianeta blu. Ma si tratta di un ecosistema fragile che stiamo irrimediabilmente indebolendo.
Decenni di riscaldamento globale e conseguenti cambiamenti climatici hanno provocato danni difficili da rimediare. Oggi i mari sono più caldi e acidi, condizione che sta influenzando fortemente la distribuzione e l’abbondanza della vita marina.

Giornata mondiale degli oceani immagine peschereccio

Ci sono poi studi che affermano che se le  cose non cambieranno, tra trent’anni nei mari ci saranno, quanto a peso, più pezzi e microframmenti di plastica che pesci! Ne sa qualcosa anche il nostro piccolo oceano, il Mar Mediterraneo, in cui, secondo una ricerca del WWF, finiscono circa 570 tonnellate di plastica ogni anno!

Come proteggere questo mondo sommerso? L’Oceano ha bisogno di noi!

Durante la Giornata Mondiale degli Oceani si susseguiranno tavole rotonde e conferenze incentrate sulla salvaguardia della biodiversità, sulle ultime scoperte oceaniche, sulla necessità di nuove politiche e nuove soluzioni e sarà ricordato che l’interconnessione tra l’oceano e i suoi ecosistemi ha un impatto immediato sulla vita di tutti.

Come possiamo fare la differenza nel nostro piccolo?

Diminuendo il consumo di pesce, cercando di comprare merci quanto più possibile provenienti da luoghi vicini. Acquistando meno plastica, riutilizzando e riciclando quella che abbiamo, gettando negli appositi bidoni quella di cui vogliamo disfarci perché venga correttamente smaltita.

Pronti a tuffarvi? Materiali per approfondire

Chiedi al tuo libraio di fiducia di ordinarti questi titoli!

Se la tua libreria di fiducia non riesce ad aiutarti puoi acquistare i libri seguendo i nostri suggerimenti.
Ricordati che questi link sono affiliati ai siti IBS.it, laFeltrinelli.it e Libraccio.it. Questo significa che attraverso i tuoi acquisti il MuMAB riceve da loro una piccola percentuale in denaro che verrà investita nelle attività di redazione del blog e nel sostegno agli acquisti del MillepioppiLAB.