Sabato 28 gennaio alle 16 inaugura la mostra INTO THE POEM con Fabio Pasini. Scopri di più

“È una gioia vedere tanti rami

verdissimi nel vento e tanti fiori

prepotenti, sboccianti, è una gran gioia

perché nel sangue pure è primavera.”

Cesare PaveseLe poesie, 1929

Quand’è il primo giorno di Primavera?

La stagione dei fiori sta per tornare in tutto il suo splendore e, al Podere Millepioppi, abbiamo già avuto uno sprizzo di rinascita con le prime gemme botaniche di piante e alberi. Sappiamo che nell’immaginario comune la Primavera ha inizio il 21 marzo, ma l’equinozio può cadere tra il 19 e il 21 marzo. La data di questo importante evento astronomico, infatti, non è fissa, l’equinozio di primavera del 2022 cadrà il 20 marzo alle ore 15.33 qui in Italia.  

Cosa sapere sull’equinozio

La prima domanda da porsi è: perché non ha un giorno fisso? Prima di tutto, dipende dall’inclinazione dell’asse terrestre che può variare durante l’anno: il giorno dell’equinozio, però, ha esattamente lo stesso numero di ore di luce e buio (12 diurne e 12 notturne), non ci si può sbagliare. Successivamente le giornate si allungano sempre di più per permettere alla natura di risvegliarsi completamente e a noi di trascorrere più tempo all’aria aperta. 

Poi c’è la questione del nostro calendario, quello gregoriano adottato nel XVI secolo, che non corrisponde esattamente alla durata di una rotazione della Terra attorno al Sole. Per compensare la differenza, sono stati introdotti gli anni bisestili nei quali abbiamo un giorno in più all’anno: ed ecco che di nuovo non tornano i conti sull’arrivo dell’equinozio, il quale non può avere così una data fissa. 

CURIOSITÀ SULLA PRIMAVERA

Sappiamo che l’arrivo della primavera segna la fine della stagione invernale e che in tanti Paesi si organizzano celebrazioni e feste. Il Giappone, ad esempio, festeggia ogni anno una tradizione chiamata Hanami: la gente si riversa nei prati per ammirare le fioritura dei ciliegi, il cui fiore, chiamato sakura, è considerato simbolo di rinascita e di bellezza. Se hai in mente un viaggio, ricorda che la fioritura avviene tra la fine di marzo e la prima metà di aprile. Ma quali sono altre curiosità legate a questa stagione? Scopriamole insieme! 

Una rondine non fa primavera 

«Come una rondine non fa primavera, né la fa un solo giorno di sole, così un solo giorno o un breve spazio di tempo non fanno felice nessuno». Questo detto risale al filosofo Aristotele che in una delle sue opere più note, l’Etica Nicomachea, spiega che, così come una sola rondine non fa primavera (perché se arriva sola potrebbe essersi persa), anche una buona azione, fatta di tanto in tanto, non fa un uomo buono. Attraverso un’osservazione empirica, Aristotele ci mette davanti a una grande verità. Anzi, due!

I fiori che non vedono l’ora di sbocciare

A marzo alcuni fiori spuntano prima di altri. Tra questi troviamo i narcisi, simbolo del sole, dell’energia, della bellezza, e dal profumo molto intenso, ma anche il gelsomino caratterizzato da fiori a forma di stella e presente in tanti giardini.

Equinozio sugli altri pianeti

La Terra non è la sola ad avere l’equinozio, ma esistono i cosiddetti “equinozi alieni” che avvengono su pianeti come Marte e Saturno. Quest’ultimo impiega ben 30 anni per compiere un intero giro intorno al Sole, di conseguenza gli equinozi si verificano ogni 15 anni e, grazie all’illuminazione del Sole sugli anelli, consentono di osservare la sua struttura tridimensionale. 

Cosa succede in Messico?

All’arrivo della primavera migliaia di persone si riuniscono alla Piramide di Kukulkan, nota come El Castillo, presso Chichen Itza, complesso archeologico Maya dello Yucatán. Al sorgere e al tramontare del sole, sul lato nord si disegna una trama a forma di serpente piumato, che sembra strisciare lungo la scalinata. L’illusione ottica è dovuta a un gioco di luci creato dal Sole, ma non per questo è meno suggestiva e affascinante. 

Profumo di primavera nei libri per bambini

Chiedi al tuo libraio di fiducia di ordinarti questi titoli!

Se non lo trovi nel nostro bookshop e la tua libreria di fiducia non riesce ad aiutarti puoi acquistare i libri seguendo i nostri suggerimenti.

Ricordati che questi link sono affiliati ai siti IBS.it, laFeltrinelli.it e Libraccio.it.

Questo significa che attraverso i tuoi acquisti il MuMAB riceve da loro una piccola percentuale in denaro che verrà investita nelle attività di redazione del blog e nel sostegno agli acquisti del MillepioppiLAB.